Peronospora pomodoro: come riconoscerla e curarla

Le malattie che rischiano di danneggiare il raccolto sono molte: una fra queste è la peronospora del pomodoro. È quindi fondamentale imparare a prevenirle, riconoscerle e curarle, vediamo come farlo, per scongiurare i rischi di questo fungo.

Peronospora pomodoro: come riconoscerla

La peronospora è una malattia fungina che colpisce in particolari condizioni climatiche, caratterizzate da umidità, rugiada e piogge ravvicinare. Colpisce soprattutto le foglie della pianta del pomodoro, il fusto, ma anche sui piccioli. La peronospora si manifesta in fase iniziale attraverso delle macchie di colore giallastro che, se non curata, diventano brune. Sui frutti l’attacco della peronospora interessa le bacche ancora verdi che interrompono la maturazione, si staccano e marciscono.

 

Peronospora pomodoro: come evitarla

Per debellare la peronospora è anzitutto necessaria una buona prevenzione. Tenere sotto controllo i fattori che possono scatenare la malattia è la prima accortezza da prendere. Tra questi fattori troviamo la temperatura e l’umidità. Se nelle colture in serra è semplice monitorare questi due fattori, per quelle a pieno campo non è così ed è necessario agire sulle irrigazioni, evitando i ristagni d’acqua.

Un’altra buona pratica per evitare la peronospora del pomodoro è quella di mantenere le giuste distanze tra una pianta e l’altra, in modo da garantire una buona circolazione d’ aria tra le piante. Sarebbe importante anche provvedere a sfoltire le piante togliendo foglie per arieggiare il più possibile, e bagnare al piede le piante evitando il contatto con le foglie.

Si può ricorrere anche all’utilizzo di sostanze di copertura da applicare sulle parti più a rischio della pianta in primavera, cioè prima che la peronospora si manifesti.

Peronospora pomodoro: come curarla

Purtroppo non sempre le giuste accortezze sono sufficienti a prevenire la peronospora. Potrebbe essere necessario, ad avvenuta infezione, rimuovere le parti della pianta colpite e bruciarle per eliminare le spore.

Possiamo intervenire con un trattamento a base di Poltiglia bordolese, ammesso anche in Agricoltura Biologica, avendo l’accortezza di trattare  la pianta al mattino presto quando questa è in fiore, in modo che quest’ultimi non vengano danneggiati.

È possibile ricorrere anche ad un trattamento sistemico con effetto curativo in quanto si diffonde all’interno dei tessuti vegetali. In alternativa si può ricorrere a un trattamento chimico. Tra i tanti prodotti in commercio, si può utilizzare Metalaxil. In caso di trattamento chimico, è importante rispettare i tempi regolari che devono intercorrere tra il trattamento e la raccolta del prodotto; per obbligo di legge sempre riportati sull’etichetta del prodotto.

Peronospora pomodoro

Peronospora pomodoro: segui i consigli della nostra agronoma…e per nuovi consigli iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Ortofruttifero – Piantine da Orto